Search   You are here:  TerritorioL'Aquila e il Rugby  
B&B segnalato da Riduci
 Bed Breakfast Italia

 

 Bed and breakfast in Italia
Stampa  

L'Aquila e il Rugby Riduci

 

 

L'Aquila e il Rugby: storia di uno sport cittadino


Tommaso Fattori, nato a Foligno nel 1909, giunge a L'Aquila nel 1938, per prendere le redini della giovane formazione messa in piedi un paio d’anni prima da Guglielmo Zoffoli.

Nel 1948-1949, la neonata formazione abruzzese partecipò al campionato di I divisione, ottenendo subito un prestigioso secondo piazzamento.
Nel campionato 1958-1959 arrivò alla sua prima finale Scudetto, contro le Fiamme Oro Padova, ma perse la partita mancando così il titolo italiano.
Nel 1973 arrivò anche la prima Coppa Italia.

 

 


Nel 1980-1981 L'Aquila si dotò per la prima volta di una sponsorizzazione ufficiale (la MAEL computer). Gli abruzzesi dominarono la stagione andando a vincere il loro terzo scudetto, con sei punti di distacco dalla seconda classificata, e la loro seconda Coppa Italia. L'anno seguente replicarono il successo in campionato conquistando così il quarto titolo italiano.


Nel 1999-2000 L'Aquila riuscì a conquistare nuovamente l'accesso in finale contro la RDS Roma dopo una emozionante partita contro i campioni in carica della Benetton Treviso. Si registrò un vero e proprio esodo di tifosi e circa 8.000 aquilani riempirono lo Stadio Flaminio, sede della finale. Tuttavia l'esito dell'incontro non fu quello sperato: i neroverdi giocarono il primo tempo totalmente in balia degli avversari perdendo una partita che alla viglia sembrava ampiamente alla portata.


La stagione 2001-2002 vide la nascita della Lega Italiana Rugby d'Eccellenza e del campionato Super 10, cui venne ammessa anche L'Aquila. Sempre nella stessa stagione, la squadra partecipò per la prima volta alla European Challenge Cup, vincendo due delle sei partite disputate.
Al termine di una deludente stagione 2006-2007 L'Aquila venne penalizzata per aver schierato, nella vittoriosa partita contro il Rolly Gran Parma, un giocatore di "formazione italiana" in meno rispetto a quanto previsto dai regolamenti. La violazione venne punita con 4 punti di penalizzazione e la partita persa "a tavolino". Questa sanzione portò alla retrocessione dell'Aquila Rugby dopo 42 anni consecutivi di militanza nella massima serie.


Nella stagione 2007-2008, disputata in Serie A, girone 1, L'Aquila ottenne un deludente terzo posto piazzandosi alle spalle di Rugby Roma e Cavalieri Prato. Riuscì comunque a conquistare la finalissima per tornare in Super 10 ma poi perse l'incontro decisivo contro la Roma.


La stagione 2008-2009 ha visto L'Aquila nuovamente al terzo posto, al termine di un anno funestato dal terremoto. La società è stata colpita direttamente dalla tragedia. Durante l'emergenza l'intera squadra è stata utilizzata per evacuare i pazienti non deambulanti dell'ospedale San Salvatore dell'Aquila.

 

 

 

Lorenzo Sebastiani, giovane promessa della squadra, è deceduto proprio a causa del sisma.

L’11 settembre 2009, in un Fattori da poco sgombro di tende e stracolmo di affetto, campeggia lo striscione: “Nel dolore affrontiamo la battaglia”. I ragazzi, con la maglia disegnata proprio dai loro tifosi e sulle spalle il numero “1” di Sebastiani, vincono la partita contro il Viadana con il punteggio di 22-20. La città esplode di gioia, la maglia di Sebastiani viene ritirata per sempre dalla società abruzzese, che al termine della partita riceve dal presidente della Federazione il premio “Spirit of Rugby”, riconoscimento meritato da quei giovani di cui “Papà Tommaso” sarebbe andato fiero.

Stampa  

Home:Dove siamo:B&B Il Condor - I ns.servizi:Foto:Tariffe:Feedback:Contatti:Territorio:Links
Copyright (c) 2011-2012 E.G. Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy